domenica 22 maggio 2016





                                     



Aikido come via.


L'aikido deve essere vissuto come una via che ci porta alla conoscenza di quello che siamo,e come 
uno specchio ci fà vedere quale direzione prendere per crescere andando sempre più vicino alla consapevolezza umana che è la più geniuna che si possa trovare.
Ovviamente il cammino non ha fine,perchè non siamo tenuti a sapere,ma avendo i piedi a terra dove
possiamo sentire la nostra esistenza questo non ci porta in confusione,ma avremo sempre la direzione molto chiara.Noi non siamo speciali,siamo persone del tutto normale,facciamo parte della comunità,dove la mattina ci sia alza per andare a lavorare o a scuola,assumersi la responsabilità della famiglia,fare le cose che fanno tutti ma possibilmente con un diverso approccio,e chiaro che avvolte si fà un passo avanti e poi si fanno due passi indietro,funziona un pò cosi la crescita.Ci vuole tanta costanza, si può anche  sbagliare ma abbiamo anche la possibilità di ricominciare con umiltà e compassione.
Il corpo-mente-spirito è la verità unica che abbiamo e poggiare sul piacere la ricerca.
Come dico sempre anche se arriviamo all'un per cento della consapevolezza,la vita non è stata vissuta invano..

Ciro Buoncompagni



0 commenti:

Posta un commento